Skip to content

BOATO IN SILA: PM LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI. BANG SUPERSONICO F16 HA PROVOCATO L’ALLARME NEGLI ABITANTI

30 maggio 2008
Sarebbe stato il bang supersonico di due caccia F16 dell’Aeronautica militare, in volo per intercettare un velivolo sospetto, a provocare l’allarme negli abitanti della Sila cosentina

Cosenza – Secondo quando si è appreso dalla stessa Aeronautica militare, due F16 sono decollati stamani da Trapani per intercettare un cargo Lufthansa che aveva perso il contatto radio. Con una corsa supersonica, che si è sviluppata soprattutto nel sud della penisola, si sono diretti verso l’aereo sospetto che, però, nel frattempo, aveva ristabilito le comunicazioni.

L’allarme è quindi cessato e i due caccia sono atterrati alla base di Gioia Del Colle per fare rifornimento. L’Airbus 300 Cargo della compagnia di bandiera tedesca Lufthansa – ricostruisce l’Aeronautica militare – era decollato questa mattina da Milano Linate per Atene quando, alle 8.29, ha perso il contatto radio con gli enti del controllo del traffico aereo di Padova. A questo punto è scattato l’ordine di ‘scramble’ (decollo immediato su allarme) da parte del Comando operativo delle Forze aeree Poggio Renatico (Ferrara). Vengono interessati gli F-16 del 10/o Gruppo di volo di Trapani che, mentre erano in volo diretti a intercettare il velivolo civile, ricevono però l’ordine di “skip it”, cioé di cessata esigenza, poiché l’Airbus era riuscito a ristabilire il contatto radio con gli enti del controllo di Brindisi. I due velivoli militari sono quindi atterrati presso il 36/o Stormo di Gioia del Colle per il rifornimento di carburante necessario per il rientro a Trapani. I due ‘Viper’, così sono chiamati gli F-16 nel gergo aeronautico internazionale, “si sono diretti verso il velivolo Lufthansa attraversando i cieli dell’Italia meridionale a velocità supersonica – spiegano allo Stato maggiore dell’Aeronautica – nel tentativo di raggiungere l’obiettivo nel minor tempo possibile”. Quello di oggi è il quinto ‘scramble’ del 2008. Il primo a gennaio e poi tre ad aprile. Nella maggior parte dei casi, si tratta di aerei che non rispondono a determinati requisiti, non hanno le previste autorizzazioni al sorvolo dello spazio aereo nazionale o perdono le comunicazioni con gli organi del controllo del traffico aereo o, ancora, divergono dalla rotta prevista senza validi motivi.

ANSA

Annunci
One Comment leave one →
  1. Francesco permalink
    31 maggio 2008 09:15

    per me, c’è qualcosa sotto, io abito ai piedi della sila….

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: